Pose 2 recensione: nessun vestito delle Ball brilla come questa seconda stagione

Pose offre qualcosa di veramente raro nel mondo della televisione: è uno spettacolo che riesce a farti piangere e ridere e io la trovo una serie davvero meravigliosa.

Pose

La seconda stagione della serie è ambientata due anni dopo la fine della prima stagione, che ha coperto il 1987-1988, e il tempo trascorso ha reso il mondo dei personaggi ancora più pericoloso.

La diffusione dell’AIDS è stata uno sfondo costante. Nel momento in cui inizia la seconda stagione, ci sono stati circa 5.000 decessi annui attribuibili alla malattia. I protagonisti continuano a combattere e attraverso un new entry, Judy, diversi personaggi principali sono attratti dal gruppo di sensibilizzazione e attivismo contro l’AIDS ACT UP. Lo spettacolo coglie l’occasione per mettere in scena un “die-in” in una chiesa cattolica in cui l’astinenza viene predicata come alternativa ai preservativi.

Pose

Pose è una serie che si concentra sull’impatto politico e personale dell’AIDS, così come dell’omofobia e delle divisioni di classe e razza all’interno della comunità LGBTQ. Vuole mostrarci quanto era ed è difficile essere un omosessuale o trans, negli anni ’90 e anche oggi. Perché anche se gli anni trascorrono, i pregiudizi sono sempre dietro l’angolo. Pronti a distruggere le persone più sensibili. Pronti a puntare il dito contro e a dire ciò che è giusto e sbagliato. Invece non esiste nulla di giusto o sbagliato, siamo tutti uguali a prescindere dal colore della pelle e dal nostro orientamento sessuale.

Pose

La talentuosa ma temperante Elektra è tornata con una casa tutta sua la “Wintour”e ha sempre la risposta giusta nel momento giusto. Non si può non amare Elektra, quando è sullo schermo brilla di una luce sua, come del resto anche nelle Ball.

Angel ha mosso i suoi primi passi nel mondo della moda professionale, Anche se secondo me il suo personaggio ha un arco davvero insignificante in questa seconda stagione. 

Pose

I ballerini Damon e Ricky hanno avuto un arco molto più interessante in confronto alla prima stagione.Per entrambi cambiano molte cose.

Blanca ha creato il suo salone, ed è sempre la madre dolce e comprensiva. Incarna lo spirito dello spettacolo, e ogni volta che è in scena ti da quella sensazione di famiglia. Nessun personaggio ha la sua sensibilità e il suo cuore.

Pray è un personaggio unico, carismatico e che buca lo schermo ogni volta. L’arco che gli hanno dato è ancora più bello della prima stagione, ance se delle volte sembra duro e impassibile è molto dolce e sensibile. L’amicizia tra lui e Blanca è talmente bella che è difficile da descrivere, per capirla devi vederla.

Questa stagione è ancora più entusiasmante della prima. Pose ha sviluppato un’identità singolare e sorprendente: diventa sempre più difficile descriverla, perchè è talmente meravigliosa che bisogna solo vederla. Speriamo che questa serie continui a celebrare questo carattere distintivo.