Solo il Diavolo lo sa, recensione docuserie Netflix

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥

 Solo il Diavolo lo sa, recensione docuserie sul presunto criminale di guerra nazista

solo il diavolo lo sa-docuserie-netflix-recensione

Se c’è una cosa su cui Netflix può fare affidamento per far fronte alla crescente concorrenza di Apple TV + e  + è che il gigante dello streaming ha una base di fan dedicata nelle sue avvincenti documentazioni sul crimine reale. 

Solo il diavolo lo sa racconta principalmente gli eventi di un processo che si è svolto decenni fa, portando gli spettatori alla domanda che era o un caso di identità errata o il caso giudiziario che ha fatto la storia di un cittadino americano naturalizzato ex criminale di guerra nazista.

Il caso di un immigrato ucraino apparentemente umile, non solo per essere legato a un’atrocità come l’Olocausto, ma per essere accusato di essere uno dei partecipanti più brutali di un tale atto di disumanità, è destinato a suscitare l’interesse della maggior parte degli spettatori. 

solo il diavolo lo sa-docuserie-netflix-recensione

E per i registi Daniel Sivan e Yossi Bloch, quella storia è una storia che dura da decenni, presenta un processo internazionale di alto profilo e include anche le accuse di un’enorme cospirazione elaborata dal KGB. 

Fondamentalmente ha tutti gli elementi di un’entusiasmante docuserie sul vero crimine, ma ha anche molto di più.

Poiché l’ al centro delle accuse, John Demjanjuk, un lavoratore automobilistico  ucraino-americano che vive in Ohio è ora deceduto, la serie si sente meno forte di Making a Murderer. 

solo il diavolo lo sa-docuserie-netflix-recensione

Ma Sivan e Bloch lo usano a loro vantaggio, poiché presenta allo spettatore una domanda che per molti è ancora senza risposta: John Demjanjuk era la guardia carceraria del campo nazista di Treblinka che divenne noto come Ivan il Terribile?

Anche se questa è la domanda al centro della serie e al centro del processo che, con l’aiuto di molte ore di filmati d’archivio, Solo il diavolo lo sa racconta con notevole dettaglio, non è necessariamente l’obiettivo primario della serie. 

Il documentario analizza nozioni di storia, ricordo, memoria e opportunità, poiché i suoi soggetti devono confrontarsi con gli orrori dell’Olocausto e della , nonché con la battaglia in corso contro l’antisemitismo, negli e all’estero.

Ma esamina anche il caso attraverso l’obiettivo dei due uomini che hanno scelto di difendere Demjanjuk, prima negli Stati Uniti e di nuovo in Israele. 

Quegli uomini, l’avvocato di Mark J. O’Connor e l’avvocato israeliano Yoram Sheftel sono a disposizione per raccontare le loro esperienze di difesa di un uomo che nessun altro avrebbe difeso, e il tumultuoso rapporto tra loro che alla fine ha lasciato O’Connor fuori nel freddo. 

Se gli spettatori non hanno mai sentito parlare di John Demjanjuk fino ad ora, o se sono solo tangenzialmente consapevoli del caso contro di lui, possono andare su Internet per scoprire tutto quello che c’è da sapere su di lui. 

Possono leggere della sua prima prova, della sua seconda prova e della sua morte. Possono anche leggere come i suoi avvocati difensori sono andati a offrire un ragionevole dubbio che non era l’uomo indicato come Ivan il Terribile per la sua predilezione verso la brutalità nei campi di sterminio nazisti. 

Ma farlo li priverebbe della possibilità che la storia venga raccontata come una televisione elettrizzante. 

Sebbene l’argomento possa far sembrare l’idea di intrattenimento un po ‘sfacciata, potrebbe anche essere il modo migliore per sintetizzare questa storia sensazionale e avere il maggior numero di occhi possibile su di essa. 

La serie è molto aiutata dalla partecipazione di O’Connor e Sheftel, entrambi sinceri e schietti – quasi per colpa – del processo e dei loro ruoli in esso, nonché della comprensione del controllo mediatico a cui entrambi sono stati sottoposti. 

E nel caso di Sheftel, la serie assume un altro livello di intrigo mentre usa un approccio piuttosto non convenzionale per difendere il suo cliente mentre, si potrebbe dire, capitalizzano la sua nuova fama. 

Alla fine, Solo il diavolo lo sa potrebbe non raggiungere la stessa immediatezza delle altre docuserie di Netflix, ma è affascinante da guardare e copre temi che purtroppo sono ancora rilevanti oggi. 

Sebbene l’uso di filmati d’archivio del processo di Demjanjuk a volte possa sembrare una stampella, dà anche allo spettatore una comprensione più chiara di ciò che, esattamente, era in gioco durante il processo. 

Leave a Reply

I nuovi mutanti nuovo poster

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ La Disney è andata...

Mulan: nuovi poster dei personaggi!

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ Mulan è uno dei...

Margot Robbie spiega perché non c'è Joker in "Birds of Prey"

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ Margot Robbie ha spiegato...

John Lennon: annunciato il documentario sull'ultimo anno della sua vita

♥ Tempo di lettura: < 1 min. ♥ Questo 2020 segna...

Il Cast di The Walking Dead rende omaggio a Kobe Bryant

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ Mentre la notizia della...

I nuovi mutanti nuovo poster

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ La Disney è andata...

Kobe Bryant il vincitore dell'Oscar e la stella dell'NBA muore con la figlia di 13 anni in un incidente in elicottero

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ Kobe Bryant il vincitore...

Cina a causa dell'epidemia di Coronavirus 11.000 cinema chiusi

♥ Tempo di lettura: < 1 min. ♥ La visione dei...

The Undoing trailer della serie con Nicole Kidman

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ The Undoing trailer della...

The Last Thing He Wanted Trailer: Anne Hathaway e Ben Affleck sono i protagonisti del thriller Netflix di Dee Rees

♥ Tempo di lettura: < 1 min. ♥ Netflix è inarrestabile e...

Lost Girls: su Netflix arriva la storia vera del serial killer che uccise diverse prostitute

♥ Tempo di lettura: < 1 min. ♥ Hai piani per...

A tutti i ragazzi 2 PS Ti amo ancora nuovo trailer

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ A tutti i ragazzi...

Robert Kirkman ha recentemente rivelato l'origine dell'epidemia zombie

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ Il creatore di The Walking Dead Robert...

Di chi è la mano che sbuca da una tomba nel trailer di Twd?

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ Alcuni fan di TWD stanno speculando...

Il Cast di The Walking Dead rende omaggio a Kobe Bryant

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ Mentre la notizia della...

Ryan Hurst Beta di The Walking Dead spera di raccogliere molti soldi per aiutare gli animali

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ Ryan Hurst interpreta un...

1917 Recensione: Sam Mendes orchestra la prima guerra mondiale come un giro d'azione one-shot

♥ Tempo di lettura: 4 min. ♥ 1917 Recensione Sam Mendes...

La verità di Grace, il primo lungometraggio di Perry per Netflix

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ ” La verità di Grace”,...

Jojo Rabbit, una delle persone più malvagie della storia come un deficiente imbranato

♥ Tempo di lettura: 4 min. ♥ Jojo Rabbit, Taika Waititi...

The Outsider incredibilmente fedele al romanzo di Stephen King

♥ Tempo di lettura: 5 min. ♥ The Outsider è un oscuro,...

Vikings recensione 6×08 Il Valhalla può aspettare
Vikings ci ha fatto conoscere il mitico Erik il Rosso
Vikings recensione 6×07, Addio Lagherta
Vikings: Recensione 6×06 Colpo di scena clamoroso
Actors Guild Awards ecco il galà di immagini
John Williams ha ottenuta la sua 52esima nomination agli Oscar!
Florence Pugh e la sua reazione alla notizia della sua nomination all'Oscar
Oscar 2020: "Joker" domina le nomination, ma i registi neri e femminili vengono ignorati